Il 27 Gennaio è la Giornata della Memoria. E' stato scelto un solo giorno di ogni anno per ricordare: il 27 Gennaio perchè quel giorno, nel 1945, furono aperti i cancelli del tristemente noto campo di sterminio di Auschwitz. Il 27 Gennaio, ogni anno, anziani, adulti, ragazzi ricordano quello che accadde, ripetendo a se stessi e agli altri che mai, mai più accadrà che tanti esseri umani siano discriminati e uccisi per la sola colpa di "essere ebrei". Eppure, l'Olocausto non è accaduto in un solo giorno. E' stato preparato lentamente, progressivamente, in modo via via più aspro, perchè la gente non si accorgesse fino in fondo di cosa stava accadendo, perchè la gente non credesse, non immaginasse fino a che punto si sarebbe giunti. Accadde piano piano, sottraendo ogni giorno un po' della dignità, dei diritti della libertà dei cittadini ebrei. Iniziò con i regolamenti, con le leggi, con i divieti, con le espulsioni. Iniziò quando si insinuò il dubbio, nelle coscienze di tanti, che forse i nazi-fascisti avessero ragione. Iniziò quando si cominciò a distinguere tra "noi" e "loro". Iniziò con l'indifferenza, con la paura, con il disprezzo. Iniziò prima che tutti potessero accorgersene e quando tutti se ne accorsero era già iniziato. Per questo oggi vale la pena di raccontare ancora e ancora e ancora come è iniziata questa storia: perchè ognuno di noi impari a cogliere i sintomi e ad interpretare i segni prima, molto prima che possa ripetersi un tale dispiegamento della cattiveria umana.

Le classi quinte della Scuola Primaria presentano: La storia di Irena Sendler - Irena Sendler, infermiera polacca, che salvò circa 2500 bambini ebrei.

1

Le classi terze presentano: Memoriale della Shoah - Viaggio documentato dei ragazzi delle classi terze a Binario 21.

2

La classe 3^A presenta: C’eravamo anche noi - Le altre storie della Shoah.

3

La classe 3^B presenta: “Al di lá del ponte” di Regina Zimet - Una famiglia valtellinese tiene nascosta nella propria casa per 16 lunghi mesi Regina Zimet, una bambina ebrea, con i suoi genitori

4.

La classe 3^C presenta: Giuliano Maglia, soldato dell’esercito italiano sopravvissuto ai campi di concentramento.

5

La classe 3^B presenta: Alpino Combi Carletto, internato nei lager nazisti 1943- 1945.

6

 

A conclusione della nostra Giornata della Memoria vogliamo ringraziare i nostri ospiti che ci hanno onorati della loro presenza:

Il Sindaco di Colico, Dott.ssa  Monica Gilardi

Il Dirigente scolastico dell’Istituto “Marco Polo”, Dott.ssa Catia Caterina Baroncini

Il Consigliere del Comitato Provinciale ANPI, Prof. Salvatore Scarfone

Il Comandante dei Vigili Urbani di Colico, Dott. Edoardo Di Cesare

Il Presidente degli Alpini di Colico, Dott. Stefano Foschini

 

Ringraziamo tutti coloro che sono intervenuti alla nostra commemorazione della Giornata della Memoria.

Ci lasciamo con la promessa di essere “Fiammelle della Memoria”.